OSSERVAVO

OSSERVAVO 

I lunghi capelli

componevano arabeschi

mossi dal vento sul suo corpo,

la nudità era una volta svelata

ed una folata

la rendeva solo immaginata.

Metodica e costante

l’onda del mare

ricopriva di bianca spuma

il suo ventre,

poi ritraendosi

dimenticava scintillanti gocce

riflesse dal sole

sul corpo ambrato.

Osservavo.

Mentre attendevo il placarsi del vento,

il ritrarsi della marea

il lento tramonto

l’abbraccio della notte.

 

Paulo

4 thoughts on “OSSERVAVO

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...