Annuntio vobis gaudium magnum….

attenersi ad un obiettivo

non mollare

affinchè lo scopo non è raggiunto

é molto più della fedeltà

è un’espressione d’amore

è un sentimento forte

costante

non come le onde del mare

sospinte da venti mutevoli

essa è stabile

con la forza di superare

qualsiasi ostacolo.

 

tu sei la ragione di questa fiducia

per fabrizio…..tiziano ferro

 
Io dedico questa canzone
 
ad ogni donna pensata come amore
 
in un attimo di libertà
 
a quella conosciuta appena
 
non c’era tempo e valeva la pena
 
di perderci un secolo in più.
 
A quella quasi da immaginare
 
tanto di fretta l’hai vista passare
 
dal balcone a un segreto più in là
 
e ti piace ricordarne il sorriso
 
che non ti ha fatto e che tu le hai deciso
 
in un vuoto di felicità.
 
Alla compagna di viaggio
 
i suoi occhi il più bel paesaggio
 
fan sembrare più corto il cammino
 
e magari sei l’unico a capirla
 
e la fai scendere senza seguirla
 
senza averle sfiorato la mano.
 
A quelle che sono già prese
 
e che vivendo delle ore deluse
 
con un uomo ormai troppo cambiato
 
ti hanno lasciato, inutile pazzia,
 
vedere il fondo della malinconia
 
di un avvenire disperato.
 
Immagini care per qualche istante
 
sarete presto una folla distante
 
scavalcate da un ricordo più vicino
 
per poco che la felicità ritorni
 
è molto raro che ci si ricordi
 
degli episodi del cammino.
 
Ma se la vita smette di aiutarti
 
è più difficile dimenticarti
 
di quelle felicità intraviste
 
dei baci che non si è osato dare
 
delle occasioni lasciate ad aspettare
 
degli occhi mai più rivisti.
 
Allora nei momenti di solitudine
 
quando il rimpianto diventa abitudine,
 
una maniera di viversi insieme,
 
si piangono le labbra assenti
 
di tutte le belle passanti
 
che non siamo riusciti a trattenere.

natale….???

TRISTE NATALE

E’ un triste Natale per me.

Scivola sulla mia pelle un dolore

che affonda

fin dove l’occhio umano non può vedere.

Va oltre

a cercar conforto tra sorrisi di bimbi

nel cuore delle persone care

da chi non ho accanto. Mendica

persa con un tenue sorriso

vorrei regalare l’ultimo bagliore della mia felicità dimenticata.

AUGURI  A TUTTI VOI AMICI..

voglia d’amare

Ti spo­sti come un alito di vento sulle onde,invisibile.

Pro­fumo di pane caldo,antichi sentieri;mosto autunnale.

Stor­di­scimi di te.

Len­ta­mente come l’acqua smussi gli angoli del quadrato,mio cuore.

Sei fuoco sotto la cenere che non brucia,scalda.

Dis­se­tante pozione di vita.

Pen­sieri sin­ceri muo­vono verso di te,incognita matematica,variabile Booleana.

Ammi­ra­zione sincera.

Esisti,anelito di verità,lontano sogno oltraggiato,ricordo remoto.

Viva e dolente rinuncia,rabbia ghiacciata,pelle di tam­buro sgar­rata nel petto,desiderio di purezza represso,stroncato.

Nes­suna pietà per l’amore.

Fle­bile suono impercettibile,da dove arriva?Non può essere vero,eppure il mio cuore è sincero!

Come la prima cicala della sera un coro si alza,uno,due,tre è un inno alla vita.

Dal pro­fondo si erge,per te, mia dolce musa,ignara e magnifica,essenza impos­si­bile di tutti i miei giorni.

A te dedico il pic­colo ger­mo­glio den­tro di me,come il fagiolo che da bam­bini nel bic­chiere vede­vamo fiorire.

Tu hai innaf­fiato le mie radici,aride,solo con un sor­riso sincero.

Ed è nato un nuovo fiore.

Il freddo giun­gerà ma senza inganno;ormai lacero è quel velo sot­tile che dell’amore era solo attrice.

Ce la farà a supe­rare l’inverno il pic­colo nato?

Oh che ciclo strano mostra la natura,uccide e crea,ma nel pro­fondo un seme è coperto.

Sen­ti­mento di vita sotto il cielo di marzo.

Sincero,mia dolce musa,un pò sconosciuta.

A te,primula nata sull’asfalto rovente,dono que­ste mie parole,scritte nel sole.

Parole.

D’amore.