diurno musicale by bio… urla di piacere ….

1900040_613189462096054_1500278392_n

Urla di piacere
si alternano alle grida di dolore,
sovrapponendosi al sibilo della frusta
che sferza l’aria,
allo schiocco secco sulla nuda pelle.

Il corpo si contorce,
si flette, si inarca,
come se una leva invisibile
lo sollevasse nel punto dove il colpo lo raggiunge.
Oscilla,
in quella posizione instabile in cui
è costretto dalle corde,
ma è l’unico movimento
che gli è concesso dalla fermezza dei nodi.

Non occorre toccare per vedere
che liquidi ed odorosi umori
escono dalla tua intimità,
formando piccoli rivoli
che lentamente scivolano lungo le gambe.

Le ginocchia cominciano a cedere
e solo i polsi sorreggono
quasi totalmente il corpo.
I colpi continuano,
inesorabili, precisi,
disegnando rossi tatuaggi sulla carne.

Basta, basta!! – stai urlando.
E’ la nostra parola convenuta,
per chiedermi di non fermarmi…
Alzo ancora una volta il braccio,
fonte del piacere,
prima dell’epilogo,
in cui saremo un unico corpo.

paulo

Paulo

notturno musicale by bio .. opere d’arte…

10171026_727033080681779_1514515313728821072_n10014710_727645487287205_5433297594746959816_n


Ognuno di noi è un’opera d’arte… non sarà mai amata da tutti, ma per chi ne coglierà il senso avrà un valore inestimabile.

Negli ultimi 40 anni, mi sono guardato ogni mattina allo specchio chiedendomi: “Se oggi fosse l’ultimo giorno della mia vita, vorrei fare quello che sto per fare oggi?”. E ogni qualvolta la risposta è no per troppi giorni di fila, capisco che c’è qualcosa che deve essere cambiato.
Quando mi vorrai dovrai solo sussurrare il mio nome nel tuo cuore ed io sarò l

Sarai stanco amore, perché è tutto il giorno che cammini nella mia test

È sbagliato pensare di poter raggiungere e afferrare la felicità.
La felicità non si può conseguire in se stessa perché non è un oggetto ma un cammino.

erotico musicale by bio …ti possiedo…

cb4fc247a2_5885105_med761fe470a7_1018097_med

Il sole ti illumina i capelli,
rendendoli fili di intrecci,
ora neri, ora rossi,
mossi dal vento.

Ti muovi, presa dal piacere,
e luci ed ombre disegnano
magici giochi sul tuo corpo,
mentre io osservo.

Osservo l’effetto dei miei baci,
delle mie mani che esplorano,
scoprono, affondano, disegnano
forme con la loro forza.

Il tuo corpo freme, sussulta,
si offre, si apre,
nella tua richiesta di amore,
nella tua offerta di te.

Ti stringo, ti avvinghio,
ogni lembo di pelle
si incontra, si fonde,
mentre ti avvolgo.

I tuoi fianchi sono dentro di me,
mentre osservo la tua schiena,
che sempre più s’innarca,
fra inebrianti gemiti d’amore.

Sei mia, lo senti,
mentre ti possiedo,
sai che mi possiedi.

Paulo

diurno musicale by bio….il battito della notte….

1891020_591501987601162_528970456_n1660214_591340590950635_22693386_n

Mi infetto della tua assenza.
Ho anestetizzato i miei sentimenti talmente a lungo che ora ho davvero il desiderio di provare qualcosa e non ci riesco

Il mio desiderio è fuggire. Fuggire da ciò che conosco, fuggire da ciò che è mio, fuggire da ciò che amo. Desidero partire.

diurno musicale by bio….normalità….

10006992_688924187821051_1938938322_n1902790_10151971904472012_1599252705_n



La gente vede la follia nella mia colorata vivacità e non riesce a vedere la pazzia nella loro noiosa normalità.

Chi ha l’occhio, trova quel che cerca anche a occhi chiusi.

Prenditi cura anche delle piccole cose. Un giorno potrebbero diventare grandi e non grazie anche a te.

Infinito è il numero di coloro che, o bene o male, vedono; scarsissimo il numero di coloro che osservano.