la caduta degli dei

 

Contorti, sofferenti

 

i miei pensieri ballano tetre danze

 

nella mente sconvolta da antico dolore;

 

gelido il sorriso sulle mie labbra,

 

forzato, quasi un ghigno beffardo,

 

mistificazione di gioia, paravento

 

di un’amarezza che tutto mi pervade

 

e che stroncare mi vuole.

 

Arduo è vincere la voglia di cedere,

 

di arrendersi senza un grido, un lamento,

 

dicendo solo: basta… hai vinto!

 

Poi l’abbandono cede alla speranza,

 

alla rabbiosa riscossa, al sano orgoglio:

 

rispetto mi devo, risorgere occorre,

 

ridestarsi dal torpore!

 

Ed anche se a denti stretti

 

e nascondendo le lacrime,

 

mi ridipingo un sorriso sulla faccia

 

e riprendo a recitar la mia vita

3 thoughts on “la caduta degli dei

  1. Ci sono momenti in cui ci si vuol lasciare andare ,la vita ci sembra cosi’ banale ,ma bisogna andare avanti ed allora ci mettiamo un bel sorriso sulle labbra e riprendiamo la nostra strada .Si ci dobbiamo rispetto ,Bella e profonda questa poesia. Ciao

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...