Forbidden

Elegantemente difforme

piacevolmente scomoda

è la mia stanza semioscura

Nei deliri vespertini

delle verità che si interrogano ancora

 

Come me

con la testa appoggiata ad un cuscino

a forma di senso che fugge

di sostanza che non basta a se stessa

…  non basta mai …

 

Perchè non prendermi ora

gioco delle  ore?

 

E dominarmi, poi

ripetendo alle mie lacrime viventi

che il cammino della verità dignitosa

è solitario?

 

Mentre il lenzuolo col quale mi sposo

in un sospiro

perpetua un’indefinibile incauto sapore …..

 

Posso e voglio ancora

attendere il mio sole

4 thoughts on “Forbidden

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...